Napoli Don Bosco

Oratorio - Centro Giovanile - Comunità di accoglienza per ragazzi e adolescenti in difficoltà - Semiconvitto - C.A.M. Telefono Azzurro Associazione CNOS-FAP - Ass. Famiglie affidatarie -Cappellanie

Napoli Don Bosco

 

Cenni storici

L’origine della presenza salesiana a Napoli risale remotamente allo stesso Don Bosco: Napoli fu la città più al Sud visitata da Don Bosco tra il 29 e il 31 Marzo 1880 per concordare le modalità per realizzare “una Colonia agricola ed un Ospizio di arti e mestieri per fanciulli poveri e abbandonati”.

Nel periferico quartiere della Doganella i figli di Don Bosco iniziarono la loro attività nel 1934 in locali poveri e insufficienti ad accogliere le numerose masse giovanili che affluivano attorno ad essi.

Vent’anni dopo, passata la tremenda bufera della guerra, nel 1954 posero mano all’attuazione del grandioso Istituto oggi esistente realizzato con cospicui contributi di benefattori privati e di Enti.

Il 28 Maggio 1959 veniva inaugurato dall’allora Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Nell’anno centenario della morte di S.Giovanni Bosco, il 21 Ottobre 1988, il Rettor Maggiore Don Egidio Viganò inaugurava il Centro Sociale “Don Bosco” nel quale l’Istituto si riprogettava secondo le esigenze dei tempi e nella fedeltà dinamica al Fondatore.

 

Attivita e servizio apostolico

Il Centro è così strutturato:

Consiglio del Centro per le grandi linee di progettazione e di attività;

Coordinamento dei Settori: per ogni Settore è responsabile un Coordinatore che cura il personale educativo (animatori, obiettori, volontari, insegnanti) sia i minori;

Equipe tecnica, formata da medico, infermiere, assistente sociale, psicologo e direttore del Centro, per la conoscenza del minore e l'elaborazione del progetto individualizzato;

Comunità di tipo familiare: sono attualmente tre (due di Scuola Media e una dopo Scuola Media:Scuola Superiore, Corsi professionali, avviamento al lavoro) e accolgono con la forma residenziale minori soprattutto del Tribunale per i Minorenni e dei Servizi Sociali del Comune di Napoli e di altri Comuni della Regione Gruppi di intervento diurno: sono attualmente sei (cinque di Scuola Media e uno per dopo Scuola Media) con minori della stessa provenienza di cui sopra, nella forma, semiresidenziale, soprattutto per le attività pomeridiane (doposcuola, laboratori, sport, palestra...)

Oratorio-Centro Giovanile, frequentato nelle ore pomeridiane, per il tempo libero sport, attività ludiche... e per attività di formazione

CAM-Telefono Azzurro, associazione di volontariato con circa 70 professionisti (psicologo, sociologi, assistenti sociali... ), fondata nel 1987, per ascolto ed interventi sulle problematiche minorili sul territorio e con le istituzioni;

Associazione Mamma Margherita per famiglie affidatarie per i minori ospiti delle Comunità e del Gruppi diurni;

Servizio Civile Sostitutivo (SCS) per giovani:il Centro è anche sede regionale e accoglie attualmente in servizio circa 20 obiettori;

Progetti particolari: rientrano nella struttura del Centro Sociale Don Bosco alcuni progetti che sono indirizzati a particolari categorie di minori. Attualmente (aprile 1999) sono in funzione: le Botteghe artigianali (per ragazzi/e da avviare ad un mestiere), in numero di sette (pizzaiolo, parrucchiere, legatore, arte presepiale, ceramista, sarto, imbianchino), Il futuro è già Qui (Legge 285), educativa territoriale per recupero scolastico e attività di socializzazione, in rete con altre realtà del territorio progetto qui quo qua); Corsi professionali (in collaborazione con altre istituzioni, ad esempio Imprenditori Edili, Coldiretti... ) per qualifiche professionali riconosciute, Peppino Girella, in collegamento con l'associazione Quartieri Spagnoli, progetto di preformazione e avviamento al lavoro di minori, secondo un Piano finanziato dal Fondo Sociale Europeo; Il timone, progetto della legge 216, per attività con ragazzi a rischio. Residenza universitaria per giovani (35) iscritti alle varie Facoltà delle Università napoletane. Banda Ragazzi Don Bosco, associazione riconosciuta, che da circa 20 anni svolge attività nel campo musicale con più di 60 minori.

Ente CNOS-FAP (Formazione Professionale), diramazione locale e regionale dell'ente nazionale analogo, che sviluppa la formazione professionale attraverso corsi di primo e secondo livello.

 

Comunità

S. CAMPO Antonio -
P. CASSATELLA Carlo - Animatore Scolastico
P. DE CICCIO Antonio -
P. DE MARTINO Benito -
P. DEL VECCHIO Carmine - Ec
P. DELPIANO Mario - Dr, ASC, Ex
L. GUERCIA Corrado - Cs
L. SECOLA Vincenzo - Cs
P. ALFANO Alfonso - Cs
L. FABBRONI Attilio -

 

Informazioni

Telefono (081) 751.13.40

Fax (081) 751.49.81

 

Contatti

INDIRIZZO: Istituto Salesiano

Via Don Bosco, 8

80141 – NAPOLI

TELEFONO (081) 751.13.40

FAX (081) 751.49.81

E-MAIL: napolidonbosco@donboscoalsud.it

LINK: http://donboscoalsud.it/centrodonbosco

LINK: http://www.oranapoli.it

Eventi Ispettoria

29 luglio 2014

F x A - Campo animatori e preanimatori -  Via Pacognano

3 agosto 2014

Esercizi Spirituali - Acquavona -  Acquavona

4 agosto 2014

Campo vocazionale

7 agosto 2014

Cammino di Santiago PG

29 agosto 2014

CONVEGNO PG -  Via Pacognano

5 settembre 2014

Assemblea Territoriale MGS

8 settembre 2014

prime professioni religiose -  Genzano di Roma

21 settembre 2014

Colloqui di Settembre Pastorale giovanile

News ANS

Belgio - Storie di Volontariato: i viaggi hanno formato la mia giovinezza

(ANS – Bruxelles) – A 12 anni di distanza il viaggio ad Haiti è ancora parte della ... leggi tutto

Belgio - Storie di Volontariato: i viaggi hanno formato la mia giovinezza

(ANS – Bruxelles) – A 12 anni di distanza il viaggio ad Haiti è ancora parte della ... leggi tutto

India - Tornato al Cielo don Karotemprel, storico teologo salesiano

(ANS – Shillong) – È morto Domenica 20 Luglio, per un attacco cardiaco, don Sebastian ... leggi tutto

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news