Formazione

“Formazione implica il lasciarsi trasformare da Cristo e allo stesso tempo «una pratica abituale del bene, verificata nell’esame della coscienza: un esercizio in cui non si tratta solo di identificare i peccati, ma anche di riconoscere l’opera di Dio nella propria esperienza quotidiana, nelle vicende della storia e delle culture in cui si è inseriti, nella testimonianza di tanti altri uomini e donne che ci hanno preceduto o ci accompagnano con la loro saggezza. Tutto ciò aiuta a crescere nella virtù della prudenza, articolando l’orientamento globale dell’esistenza con le scelte concrete, nella serena consapevolezza dei propri doni e dei propri limiti» (Christus vivit 282)

...Lasciati piuttosto amare da Dio, che ti ama così come sei, ti apprezza e ti rispetta, ma ti offre anche sempre di più: più amicizia con Lui, più fervore nella preghiera, più sete della sua Parola, più desiderio di ricevere Cristo nell’Eucaristia, più voglia di vivere il suo Vangelo, più forza interiore, più pace e gioia spirituale. (Christus vivit 161)


La tua crescita spirituale si esprime soprattutto nell’amore fraterno, generoso, misericordioso. Lo diceva San Paolo: «Il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nell’amore fra voi e verso tutti, come sovrabbonda il nostro per voi» (1 Ts 3,12). Che tu possa vivere sempre più quella “estasi” che consiste nell’uscire da te stesso per cercare il bene degli altri, fino a dare la vita. (Christus vivit 163)

 

IMPEGNI SPECIFICI 2020-2021

 

FORMAZIONE INIZIALE

1. Continuare, nei tre incontri annuali, il programma di formazione affettivo-sessuale, sull’accompagnamento spirituale, sul SP e i consigli evangelici;

2. inserire nel piano formativo dei confratelli tirocinanti la conoscenza della dimensione secolare dei laici e il confronto diretto con essi, soprattutto con la FS;

3. far fare esperienze con i giovani poveri e a rischio;

4. monitorare il piano di qualificazione di ciascun giovane confratello;

5. proporre negli incontri formativi i seguenti testi: Commento alle Costituzioni - Solo con Amore di R. Gesing - Rilettura della Lettera da Roma di P. Chavez - Profondamente uomo e profondamente santo di P. Brocardo - Educhiamo i giovani d’oggi come Don Bosco di L. Cian;

6. verificare, negli interventi personalizzati improntati all’amorevolezza salesiana, il cammino del giovane confratello in relazione alla qualità dei rapporti di amicizia, della capacità di ascolto delle attese dei ragazzi più poveri, dello spirito di iniziativa e del dono di sé, della vivacità nello spirito di famiglia e del senso di appartenenza alla comunità.

 

FORMAZIONE PERMANENTE

1. Accompagnare e organizzare un appuntamento formativo sulla Vita consacrata;

2. preparare come CIF un sussidio – oggetto di condivisione comunitaria – che presenti figure di Coadiutori che hanno vissuto intensamente la missione di laici consacrati;

3. aiutare le comunità con un sussidio a rileggere la Lettera di d. Coelho (ACG 431” vivere il Sacerdozio da Salesiani”) che porti alla elaborazione di un vero e proprio itinerario vocazionale (da proporre in loco) per presentare le due forme vocazionali;

4. offrire ad alcuni confratelli la partecipazione a proposte formative a livello nazionale o interispettoriali;

5. accompagnare nell’essere padri secondo lo Spirito, aiutando a riscoprire la meditazione (fede contemplativa) per ritrovare sé stessi e passare dalla sequela Christi personale a quella comunitaria;

6. proporre, per superare la frammentazione interiore- almeno mensilmente -, la verifica dei principali aspetti della vita personale (umana, spirituale, intellettuale, pastorale);

7. accompagnare i singoli e le comunità a riacquistare la “capacità vocazionale” nell’azione pastorale con i giovani dell’Opera attraverso lo Scrutinium Vocationis;

8. Monitorare la vita fraterna e pastorale delle comunità religiose e celle CEP attraverso uno scrutinium fraternitatis;

9. dare i connotati del Carisma alla nostra azione educativa pastorale con lo approfondire i tratti delineati in CV 202-247;

10. aiutare a vivere la missione condivisa (Laici e SdB) sia personalmente che in comunità attraverso il camminare, specie nella formazione insieme ai Laici e nel fare esperienza e nel saper narrare di sé.

Eventi Ispettoria

loading eventi

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news