don Bosco a Molfetta

sabato 3 agosto 2013
don Bosco a Molfetta

di Giovanni Capurso

Un evento senza precedenti per la nostra Diocesi, un segno tangibile per tanti giovani e fedeli che per decenni hanno visto negli occhi, nei gesti e nel sorriso di tanti santi sacerdoti della Comunità salesiana di Molfetta il carisma e l'amore di San Giovanni Bosco. Il giorno 30 settembre 2013 arriverà l'urna del Fondatore dell'Opera Salesiana che si inserisce nel contesto di un pellegrinaggio che sta attraversando i cinque continenti. Una iniziativa voluta dallo stesso Rettor Maggiore dei Salesiani, don Pascual Chávez Villanueva, in preparazione al bicentenario della nascita di don Bosco che si celebrerà nel 2015. 

Con queste parole nel 2009 dava il via al pellegrinaggio:

"Il 1859 costituisce l'Anno di nascita della nostra Congregazione. Desidero per questo proporre a tutti i Confratelli di vivere il 2009 come un Anno di grazia, ricordando da dove veniamo, chi siamo e dove siamo diretti. Con questa celebrazione della nostra identità carismatica inizia anche il pellegrinaggio dell'urna di don Bosco in tutte le Regioni della nostra Congregazione e si apre così la preparazione al bicentenario della sua nascita nel 2015."

Un lungo viaggio che una volta terminato avrà toccato ben 130 nazioni e che sta raccogliendo in ogni luogo folle di pellegrini.


   L'urna, compresa di basamento, misura 253 cm di lunghezza, 100 di larghezza e 132 di altezza, e pesa in totale 530 kg. Su di esse vi è riportato lo stemma della Congregazione salesiana, che è il motto carismatico che adottò lo stesso Don Bosco - "Da mihi animas, cetera tolle" - completando così la decorazione.

   La teca che ha già attraversato l'emisfero sud, le Americhe, L'Asia, l'Oceania, l'Africa, è da qualche mese di nuovo in Europa. È sta accolta spesso da folle oceaniche proprio in quei Paesi dove il cattolicesimo sta affrontato maggiori difficoltà o è composto da una minoranza di fedeli.

   Rientrerà in Italia a settembre e Molfetta sarà una di queste tappe(accolto nella Chiesa di san Giuseppe)  prima di tornare alla Casa madre di Valdocco in occasione della Festa di Don Bosco del prossimo anno, il 31 gennaio 2014, quando comincerà il conto alla rovescia per le celebrazioni dei 200 anni dalla nascita previste per l'anno seguente.

   Nella comunità salesiana di Molfetta già fremono i preparativi che coinvolgeranno la Diocesi, tutte le Parrocchie, i gruppi giovanili, associazioni e scuole per celebrare l'evento con veglie, incontri di preparazione per far conoscere il carisma del Santo Fondatore.