Parola ai partecipanti

giovedì 11 ottobre 2012
Parola ai partecipanti

 

FELICI NEL TEMPO E NELL’ETERNITA‘

 

Il 29 ed il 30 Settembre, come ogni anno, si è svolto a Torino l'Harambèe nazionale al quale anche noi ragazzi dell'AMVIS IME abbiamo partecipato.

L'Harambèe, che significa ‚‘‘ incontro‘‘, è, appunto,  un incontro festoso al quale prendono parte tutti quei giovani e meno giovani che hanno partecipato alle diverse esperienza estive in terra di missione e a loro si aggiungono anche tutti coloro che vorrebbero iniziare il cammino dell'Animazione Missionaria all’interno delle proprie Ispettorie di provenienza.

 

Il giorno del 29 le attività proposte si sono svolte al Colle don Bosco, collina sede dei luoghi d'infanzia di San Giovanni Bosco; appena arrivati al colle vi è stata subito l’accoglienza da parte di alcuni ragazzi che attendevano l’arrivo dei partecipanti. Ritornare su quei luoghi è sempre molto emozionante, sembra che lì soffia un vento diverso, e tu respiri aria diversa…..

Come buon stile salesiano le attività sono iniziate nella chiesa di Maria Ausiliatrice con un momento di preghiera introduttivo per poi dare inizio ai lavori ed all’Harambèe.

Ci siamo ritrovati tutti all’interno del teatro: lì siamo stati chiamati, per Ispettorie di provenienza, a presentare il lavoro che ogni gruppo aveva prodotto trattente l’esperienza o le esperienza estive vissute durante il corso dell’estate. La nostra ispettoria ha realizzato un video rapprensentante l’esperienza estiva svoltasi in Albania da otto ragazzi durante il periodo di Agosto nell’Oratorio di Scutari.

A seguire ogni gruppo ha presentato la propria esperienza o sottoforma di montaggi fotografici oppure semplicemente lasciandoci la propria testimonianza ponendo l’attenzione dell’ascoltatore soprattutto sulle cose che gli si erano appiccicate dentro derivanti dalla sua partecipazione.

Tutti i partecipanti sono stati divisi in gruppi dove, con l’aiuto dei propri ˝facilitatori˝, hanno raccontato la propria esperienza vissuta durante l’estate oppure le estati precendenti mentre i nuovi ragazzi, i novelli, hanno espresso le loro aspettative in merito a questo nuovo mondo che si apprestavano a conoscere espriemendo, così, la volontà di partecipare attivamente agli incontri formativi durante l’anno.

 

La serata è proseguita con il servizio della cena che era stato assegnato a noi dell’IME (siamo stati un gruppo eccellente e formidabiel), un breve momento di gioco e la recita del rosario che è stato svolto nei luoghi all’interno a causa delle condizioni meteorologiche avverse.

 

La mattina seguente è iniziata con un breve momento di adorazione personale in chiesa al quale ognuno proteva prendere parte per poi dirigersi alla volta di Torino, a Valdocco, dove si è svolto l’incontro con il nostro Rettor Maggiore e la presentazione dei nuovi missionari salesiani e laici partenti per questo nuovo anno.

 

Il momento culminante di tutto l’Harambèe, ovvero la celebrazione eucaristica, è stato il mandato per i missionari partenti  incoraggiati in questa loro nuova avventura da don Pascual Chavez. Al termine, dopo la tradizionale foto di rito accanto alla statua di don Bosco, ogni gruppo di provenienza ha potuto riprendere il cammino per le proprie case portando nel cuore le testimonianze die missionari e la felicità di incontrare il Rettor Maggiore, nono successore di don Bosco.

 

Stefania Postiglione, Potenza

 

OMELIA DEL RETTOR MAGGIORE